Introduzione ~ L’opera di un Homo Radix

Tiziano Fratus ai piedi della sequoia Big Mother Bear, Lost Grove, California.

.

A me piace sempre quando piove. Mi sembra di bere insieme agli alberi
[Francesco Biamonti, Il silenzio]

Le cose in sé sono mostruose perchè sono e non sanno di essere; ignorano la loro solitudine e la nostra [Andrea Emo, Quaderno 229]

Non esiste il modo per mettere una corrente in un secchio o il vento in un sacco
[Alan W. Watts, Il tao: la via dell’acqua che scorre]

Chi vuole salvare la natura la perderà
[Manlio Sgalambro, Del pensare breve]

.

DENDROSOFIA: AZIONI E PAROLE DI UN UOMO RADICE

«C’è una grammatica che attende soltanto di essere parlata, una lingua che abbiamo dimenticato allontanandoci dal cuore selvatico della nostra immaginazione: qualcuno la chiama boschese, qualcuno la chiama naturalezza, qualcuno la chiama selvatichezza. Ma non importa il suono delle parole che adottiamo, conta piuttosto il nostro fare ritorno alla radice dell’esistenza, a quel posarsi d’una foglia al suolo, al levarsi del sole, ogni mattina, da dietro le montagne. Siamo parte di questo istinto al movimento […] un dono immenso» [da Il bosco è un mondo, Einaudi]

In un’epoca di crolli e cedimenti ideologici due visioni della vita e del mondo hanno ripreso vigore: la spiritualità e un più stringente dialogo con la natura, pilastri che connotano la filosofia e la scrittura di Tiziano Fratus. Alle soglie dei trent’anni, Fratus raggiunge uno dei cuori della California, Big Sur; qui, dove il vento dell’oceano spira ininterrottamente e aleggiano gli spiriti di scrittori quali Jack Kerouac, Henry Miller ed Alan Watts, Fratus incontra le prime sequoie millenarie, perdendosi nel silenzio cantato delle foreste di conifera. Egli fa tesoro del pensiero di Raimon Panikkar, colui che inventò il termine ecosofia, ovvero saggezza dell’ambiente: «la Terra è un vivente, tanto nelle sue parti quanto nel suo insieme»; «la Terra non è una mera fornitrice di materie prime, è ben più del palcoscenico o dell’habitat dell’Uomo. E’ il corpo esterno dell’Uomo stesso, il suo spazio vitale, la sua casa.» Così nasce il concetto di Homo Radix, atto poetico ed identità in movimento che si nutre del contatto con la Natura: si ascolta la voce del grande albero che regola la vita e il tempo, ci si lascia abitare, radicare, trasformare.

«La distanza fra radice e fronda è proporzionale alla distanza fra realtà e pensiero. Non è una regola botanica, riguarda lo sguardo del visitatore pensante che si aggira negli spazi di ombra e luce sul letto della foresta. Il bosco è un fiume ma non procede lungo una direzione lineare, piuttosto fermenta, rigoglisce, dimezza la propria massa in autunno per compensarla in primavera» [Da Ogni albero albero è un poeta. Storia di un uomo che cammina nel bosco, Libri Mondadori]

Che cos’è questo pensiero che cammina? «Abito un continente compreso fra la carta e la corteccia» Fratus inizia un pellegrinaggio nel paesaggio, perfeziona la pratica dell’alberografia e la disciplina della dendrosofia, inizia a meditare quotidianamente in selva e ad imbastire neologismi per un vocabolario da Uomo Radice; affina una scrittura che mescola saggistica, poesia, narrazione e fotografia, alimentando una costellazione editoriale che ne fa uno degli autori italiani più attenti al tema di una riconciliazione con gli elementi naturali.

«Quando cammino mi piace tenere in mano una pigna, un pezzo di corteccia o della terra sfarinata. Mi mette in comunione col paesaggio e con la Madre Terra. Talvolta mi basta allungare lo sguardo nella pineta del mio minuscolo Monte Tai (Tai Shan), sul San Giorgio, nel torinese, a mezz’ora d’auto da casa, per quietare i demoni e le tensioni che mi snervano da ore. Per me non esiste medicina più rapida ed efficace. Dove mi incammino, nella compagnia degli alberi, si erge maestoso e invisibile, il Tempio delle Radici, ove mi appresto a camminare, a meditare, ad osservare, a riflettere. Ogni giorno dedico almeno un’ora a questa scuola dei semi e delle foglie. Scavare in profondità e ammansire la chimera della leggerezza. Come dice il monaco zen vietnamita Trich Nhat Hanh, “la pace è ogni passo”» [da Il sole che nessuno vede. Meditare in natura e ricostruire il mondo, Ediciclo]

Fra i suoi titoli di ampia diffusione si segnalano Ogni albero è un poeta, Manuale del perfetto cercatore di alberi, Il bosco è un mondo, I giganti silenziosi, Il libro delle foreste scolpite, L’Italia è un bosco, L’Italia è un giardino, Il sussurro degli alberi, Un quaderno di radici, sbocciati in libreria grazie ad editori quali Feltrinelli, Einaudi, Mondadori, Bompiani, Laterza e Ediciclo. Il saggio Il sole che nessuno vede è dedicato al meditare in natura, Waldo Basilius è una fiabelva gotica illustrata.

«E così al termine del sesto giorno Iddio creò gli animali e gli uomini: popolò gli oceani e i mari, le pianure e le montagne, i laghi e i ruscelli; coniò la parola foresta e modellò le sequoie, i più grandi alberi che si potessero mai vedere sulla terra, così alti da sfiorare il cielo e così grandi da non essere paragonabili a nessuno dei grandi pesci che vivevano le profondità delle acque. Lo fece per sé stesso, a celebrazione del proprio ingegno, ma anche quale monito rivolto agli umani, che già sapeva diversi fra le altre creature del Creato» T.F.

Il 2019 è un anno particolare, sono arrivati nelle librerie quattro libri capitali: Poesie creaturali (Libreria della Natura), opera che abbraccia due decenni di scrittura in versi, il silvario Giona delle sequoie (Bompiani), viaggio esplorazione diario visione a cui Fratus ha lavorato alacremente per un intero decennio, Arborgrammaticus (Bolis), cahier della sua fotografia in bianco e nero, ed Interrestràre (Lindau), dedicato alla meditazione. Nel 2020 è in uscita la raccolta di poesie e dendrosofie in prosa Sogni di un disegnatore di fiori di ciliegio (Aboca).

Attualmente Fratus collabora coi quotidiani Il Manifesto e La Verità e conduce la trasmissione Nova Silva Philosophica per Radio Francigena. I suoi scatti sono stati oggetto di svariate personali fotografiche.

.

.

MATERIALI UTILI

>>> Audible Amazon | Ascolta l’audiolibro Manuale del perfetto cercatore d’alberi, Giangiacomo Feltrinelli editore (letto da A. Pala, durata 5 ore e 31 minuti)
>>> Spotify | Interviste Sogni di un disegnatore di fiori di ciliegio | Riverberi (12 minuti) | Il posto delle parole (33 minuti) | RadioFly (7 minuti) >>> FeltrinelliZoom | Che cos’è la poesia? Un dialogo fra Tiziano Fratus e Gianni Marchetti, un video Kosmoki
>>> Eco. Educazione sostenibile | Un pensiero che cammina. Lo scrittore che narra gli alberi, intervista di Serenella Iovino a Tiziano Fratus
>>> Panorama, Di Versi |
Definizione di bianco lepre, poesia di Tiziano Fratus
>>> L’Espresso |
Come sono diventato un cercatore d’alberi, a cura di Giancarlo Sturloni
>>> Festivaletteratura di Mantova
Scheda dedicata a Tiziano Fratus: bibliografia dell’autore, eventi svolti nelle diverse edizioni, audio degli incontri e delle conferenze
>>> Le montagne incantate
Splendore tra i faggi. Tra le foreste casentinesi, estratto dal VI° numero della serie edita da Repubblica, National Geographic e CAI
>>> Venerdì di La Repubblica | Com’era verde la mia valle, visita ai luoghi degli incendi in Valsusa e intervista a Tiziano Fratus, a cura di Pietro Veronese
>>> La Repubblica |
Io, un homo radix che ha attecchito nelle librerie, intervista in occasione dell’uscita dell’antologia Poesie creaturali, a cura di Francesca Bolino | Dove nascono i libri: curiosando a casa degli scrittori, fotografie di Pierantonio Tanzola | Per fare un albero, a cura di Matteo Macor | I pilastri della terra. Giro del mondo in ottanta fronde, a cura di Stefano Bigazzi | Taccuino del cercatore di alberi, otto scatti di Tiziano Fratus dai Giardini Hanbury  | Aceri, pioppi e pini, la resa al clima impazzito degli alberi in città di Tiziano Fratus | La passeggiata tra i ciliegi in fiore del Valentino col dendrosofo Tiziano Fratus, a cura di Nicola Gallino | >>> Robinson, Noi siamo libri delle stelle >>> TuttoMilano, Guarda che alberi. Alla scoperta dei grandi alberi della Lombardiacon Tiziano Fratus, a cura di Giovanna Canzi
>>> Corriere della Sera | Il collezionista di alberi, intervista di Davide Sapienza | Sette, I primi cittadini verdi di Milano, Roma e Palermo, speciale Sette proposte per l’Italia | Perché ci piace tanto fotografare gli alberi, a cura di Irene Soave | La Lettura, Letteratura vegetariana, a cura di Ida Bozzi | Tiziano Fratus in viaggio con Giona delle sequoie, a cura di Davide Sapienza | Perché non conosciamo il nome degli alberi che vediamo sotto casa, a cura di Antonio Pascale
>>> La Stampa e TTL Tuttolibri | Venite a camminare nei boschi, le foglie vi insegneranno saggezza (di Duccio Demetrio) | I boschi sono amici pazienti, aspettano che li scopriamo (di Carlo Grande) | Mappa sentimentale degli alberi monumentali nelle città italiane (di Carlo Grande) | La natura nei versi di Tiziano Fratus, l’uomo radice (di Mauro Garofalo) | Quei patriarchi verdi simbolo di resistenza (di Carlo Grande) | Gli alberi che raccontano il Giappone (di Tiziano Fratus) | Il cercatore di alberi, vari articoli
>>> Fahrenheit. I libri e le idee, Rai Radio 3 | Interviste e dialoghi dal Festivaletteratura (con D. Eggers, F. Capra, T. Fratus, N. Mathieu, Ian McEwan e altri) | I boschi del sargente non ci sono più (con D. Zovi e T. Fratus) | Giornata mondiale del suolo (con M. Maggiani e T. Fratus) | Il libro delle foreste scolpite (con T. Fratus)
>>> L’Avvenire | Quando Dio ci fa stupire nelle sequoie di Francesco Tomatis
>>> Uomini e profeti, Rai Radio 3 | La terra ha le sue voci (con Armando Buonaiuto, Duccio Demetrio, Tiziano Fratus e Laura Boella)
>>> Petrarca. Le parole della Cultura, Rai 3 | Uomini e Natura (fra gli autori J. Diamond, J. Safran Foer, P. Giordano, T. Fratus), dal minuto 9 al minuto 12.40
>>> Il giornale del viaggiatore | L’ultimo Giappone sconociuto ha lunghe radici, reportage
>>> Inyo National Forest | Fra i più annosi alberi del pianeta, reportage di Tiziano Fratus
>>> Il Manifesto | L’ascolto sovversivo della natura selvaggia
 di Angelo Ferracuti – Nelle radici viventi del tempo di Susanna Mati
>>> Huffington Post | Così gli alberi cambiano il mondo, conversazione a cura di Antonio Cianciullo | Il libro verde dei boschi, a cura di Stefano Paolo Giussani | Il poeta che parla agli alberi, a cura di Darwin Pastorin
>>> Foreste 2018, Radio Televisione Svizzera | Il bosco secondo Fratus, intervista di M. Zenari
>>> Storie, Radio Televisione Svizzera | Tiziano Fratus, il bosco, gli alberi ed il documentario Boschi, uomini e animali
>>> Corriere del Ticino | A un certo punto ho deciso che mi sarei inforestato, intervista a Tiziano Fratus, a cura di Carlo Silini
>>> L’Ordine, la Provincia | Meditare in natura sul dono della vita | Le sequoie custodi dell’anima del mondo | California, abitano qui i giganti del mondo | Curiamoci del bosco, è l’anima nostra | Meditare nei boschi, una cura naturale |
La parabola zen della montagna
>>> Wired | Libri che parlano di alberi (da Calvino e Powers a Fratus), a cura di A. Raveggi
>>> Doppiozero | Gli alberi e le parole di Tiziano Fratus di Giuseppe Mendicino
>>> Il posto delle parole. Ascoltare fa pensare | Conversazioni fra Tiziano Fratus e Livio Partiti: Interrestràre (30 min.) | Giona delle sequoie (14 min.) | Sogni di un disegnatore di fiori di ciliegio (32 min.)
>>> Radio Popolare | On the Road, Alberi e Foreste | Tra i boschi | Sulla Via, Storie creaturali | La giornata degli alberi | Estate | Camminare in autunno | Il mondo sulla via
>>> Nuovi Argomenti | 6 poesie da Un quaderno di radici | 4 poesie da Musica per le foreste | Scheda dedicata
>>> Sindacato Nazionale delle Foreste e degli Alberi | Letture consigliate per gli amanti delle foreste
>>> Il Biellese | Piante monumentali nel biellese. Abbriamoci pure ma con gli alberi

.

ULTIME PUBBLICAZIONI

AUTUNNO 2021 | AMI – Alberi Millenari d’Italia (IF – Gribaudo)
Europe in Verses. The Versopolis Anthology (Arc P. – UK)
Sogni di un disegnatore di fiori di ciliegio (Aboca)
Storia di un albero, autori vari (Silvana Editrice)
Dal sottovuoto. Poesie assetate d’aria, antologia di 35 poeti  (Samuele Editore)
Interrestràre. Quaderno di meditazioni (Lindau)
Giona delle sequoie. Viaggio tra i giganti rossi del Nord America (Bompiani)
Arborgrammaticus. Esercizi di comunione arborea – Exercises of Arboreal Communion (Bolis)
Respiro e anima. Castelnuovo Fogliani tra arte e natura, testi di Tiziano Fratus e fotografie di Andrea Aschedamini (EDUCatt)
Poesie creaturali. Un bosco in versi (Libreria della Natura)
Fratus è fra gli autori inclusi nei volumi Il capitale naturale in Italia, promosso dalla Banca Mondiale (Edizioni Ambiente), e Residenza & Residenze creative a cura di Tiziana Colusso (Luoghi Interiori)
Edizione trilingue di undici poesie (Struga Poetry Evenings/Versopolis)
Edizione economica de Il libro delle foreste scolpite (Laterza)
Fiabelva gotica illustrata Waldo Basilius (Pelledoca)
Il bosco è un mondo. Alberi e boschi da salvaguardare in Italia (Einaudi)
Fratus è fra gli autori inclusi nel volume Italy and the Environmental Humanities. Landscapes, Natures, Ecologies (University of Virginia Press)
In traduzione Postolar rasjeda (Skud igk/Versopolis)
Calendario Ong Amani 2018 – Radici, foto di G. Majno, testo di T. Fratus

Terza edizione del Manuale del perfetto cercatore d’alberi (Feltrinelli)
L’esplorazione italiana I giganti silenziosi (Bompiani)
In traduzione Eleven root poems (Five Seasons Press/Ledbury Poetry Festival)
La raccolta Vergine dei nidi. Poesie creaturali (Feltrinelli)
Il romanzo forestale Ogni albero è un poeta (Mondadori)
Edizione economica del viaggio L’Italia è un giardino (Laterza)
In traduzione Poèmes (La Traductière/Le Printemps des Poètes)
Il volume meditativo Il sole che nessuno vede (Ediciclo)
Il silvario montano Il libro delle foreste scolpite (Laterza)
In traduzione Poezijos (Poetinis Druskininsky Ruduo/Versopolis)
In traduzione Wo lyric zuhause ist (Edition Aramo/Kulturenfestival Literatur & Wein)

25 risposte a "Introduzione ~ L’opera di un Homo Radix"

  1. Letto l’articolo di Magrelli su Repubblica di ieri. Diventerò un petgetto cercatore di alberi e dei lo segreti. A partire dal ramo d’oro.

    "Mi piace"

  2. Sto leggendo i giganti silenziosi. Una vera delizia. Tiziano sei molto bravo sia nel descrivere i giganti sia nelle tue considerazioni sugli aspetti della vita e la fretta con cui la viviamo. Grazie.

    Piace a 1 persona

  3. Buongiorno, sono in partenza per la montagna e come ogni anno porterò con me alcuni libri, tra questi ci saranno il manuale e i giganti, mi terranno compagnia e sarà bellissimo! Grazie, Cristina

    Piace a 1 persona

  4. Buongiorno , ho visto la sua intervista alla trasmissione di Augias su rai tre
    e stato molto interessante ascoltarvi , le faccio i migliori auguri nel proseguire la divulgazione di questi importanti e interessanti argomenti.
    Valter M.

    "Mi piace"

  5. Rapita. (Da due libri in particolare: “ogni albero è un poeta” e “il bosco è un mondo”) Il fruscio del vento tra i rami spesso fa nascere in me riflessioni sagge. Grazie.

    "Mi piace"

  6. Tiziano (perdonami se ti do del tu) … Grazie perple emozioni che mi regali leggendo le pagine del tuo libro “I giganti silenziosi” … La lettura
    ad alta voce esalta la poesia delle tue informazioni_racconto. Bellissimo … Ne seguiranno altri.

    "Mi piace"

  7. Gentile Tiziano, sto leggendo “I Giganti Silenziosi”, interessante ed emozionante. Forma grafica molto gradevole e simpatica, che è un bel valore aggiunto. Nella prossima edizione, delle molte che le auguro, si potrebbe leggermente aumentare il margine interno, attualmente troppo vicino alla rilegatura, per non essere costretti a forzare il libro in apertura, è un peccato!
    Ho letto naturalmente per prime le pagine dedicate alla mia città, ed alla maestosità dei nostri Ficus magnolioides (denominazione che noi isolani preferiamo a quella di macrophylla), e le segnalo, sempre per le prossime edizioni, che la prima fotografia di pagina 307 riguarda, mi pare, l’ingresso dell’Orto Botanico e non la piazza Amendola.
    Grazie per il meraviglioso lavoro che svolge per tutti noi appassionati del verde e per chi lo diventerà, e quando ha un attimo di tempo dia uno sguardo al mio blog dedicato al verde cagliaritano.
    Cordiali saluti
    Mario

    "Mi piace"

  8. Gentile Mario, anzitutto grazie per il tempo che sta dedicando ai Giganti. Alle soluzioni tipografiche decidono altre menti operative, la mia tenta di soffermarsi e operare, per quanto le è possibile, alla qualità del testo e all’esattezza delle informazioni. Ed infatti l’immagine alta di pagina 307 ha ingannato anche me. Tanto è vero che dal basso spunta un cartellino azzurro dell’orto botanico. Grazie e buon lavoro.

    "Mi piace"

  9. Buongiorno Tiziano complimenti e il mio libro che leggo e I giganti silenziosi è sconvolgente…
    Domanda :
    I tuoi prossimi appuntamenti quando verrai nel profondo Sud..?
    Da Napoli in giù si intende
    Antonio da Benevento

    "Mi piace"

  10. Non ho letto i tuoi libri ma fin da bambina ho sempre amato le piante e soprattutto gli alberi. Ci sono piante che non vengono considerate interessanti perché non appartengono a specie “pregiate” ma che, se ci si ferma a guardarle, si può percepire la loro immobile mutevolezza. Posso capire guardandole le loro sofferenze e le loro battaglie silenziose.
    Scusa era solo un mio pensiero. Ti stimo molto per quello che fai.

    "Mi piace"

  11. Grazie Ilaria, è un pensiero profondo. La natura non è clemente, anche se immergerci in un bosco ci può aiutare a districare i nostri drammi e le nostre potenti, inflazionate, tensioni. Grazie. Buona giornata e buone contemplazioni.

    "Mi piace"

  12. La natura ci permette di contemplarla . Estasiati ne ammiriamo la suprema bellezza, la perfezione nei microscopici particolari e nelle sue forme più immense ! Con tempi diversi ci sommergerà , lasciando di noi solo flebili tracce ! ( speriamo ) . Caro Tiziano ciao . Fauna

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.