Due manciate di versi per Feltrinelli

.

DUE MANCIATE DI VERSI PER ZOOM FELTRINELLI

Tre anni è durata la fiducia dell’editore Giangiacomo Feltrinelli nella poesia dei nostri attuali poeti. Uno spazio digitale, cucito a ridosso delle tradizionali collane e a margine dei grandi nomi. In questa collana hanno pubblicato diversi giovani poeti, quali Laura Pugno, Federico Italiano, Tiziano Fratus, Matteo Fantuzzi, Annalisa Teodorani, Alessandra Battaglia, autori quali Marosia Castoldi, Davide Sapienza e Edoardo Sanguineti, classici dell’editore quali Saffo, Mallarmé, Eliot, Poe, Cvetaeva, Foscolo, Gozzano, Cardicci, Whitman. Fratus ha contibuito con due manciate di versi: Un quaderno di radici e Vergine dei nidi. Buona lettura

.

poesia_fratus_2UN QUADERNO DI RADICI
Poesie dallo Studio fiammingo
Editore: Feltrinelli –  Collana: Zoom Poesia
Pag. 52, € 3.99 – Isbn 9788858853832

Un quaderno di radici segna il ritorno di Tiziano Fratus alla poesia e al contempo la riapertura di Feltrinelli alla lirica contemporanea. La raccolta offre al lettore un’ampia scansione di temi e composizioni. Poesie dedicate alle grandi figure mancanti nell’esistenza dell’autore, la madre e il padre, ma anche poesie dedicate agli amati alberi e alle foreste, all’officina quotidiana della scrittura, scamiciando le forme più diverse: il poemetto, gli aiku, la poesia vernacolare cucita in un dialetto di matrice lombarda con inserti piemontesi e liguri, una koinè radicale che avvicina il suono della parola e riecheggia il pensiero di asperità tipiche delle terre contadine. Camminamenti fra nebbie e montagne, a caccia delle parole esatte con cui tratteggiare ricordi, proiezioni, miraggi, gatti invisibili e concerti di corvi, fino a quei luoghi che le parole sanno inaugurare e dove, fino a pochi niente prima, non esisteva mondo.

Ne hanno scritto

«Forse il più legato al concetto di paesaggio tra i poeti italiani […] Quello di «radice» è per lui un concetto essenziale, primario, da cui ripartire ogni volta, ma a patto di riconoscere che questo non deve coincidere con un unico punto fermo, quanto rispondere a una visione plurima e sfaccettata del mondo che si osserva e si crea. Questa mobilità di sguardo è evidente nei suoi versi, nei piccoli effetti di straniamento che provocano in chi legge, nei passaggi repentini. L’uomo che guarda è un soggetto che in realtà non esiste più» Roberto Deidier – Ailanto

«Fratus per quella che chiama la sua “poesia ambientale” è l’erede di una tradizione di Waldgänger [coloro che passano al bosco]; Passare al bosco: – scrive Ernst Jünger – dietro questa espressione non si nasconde un idillio. Il lettore si prepari piuttosto a un’escursione perigliosa, non solo fuori dai sentieri tracciati, ma oltre gli stessi confini della meditazione. Se c’è un luogo filosofico, d’altra parte, è il bosco, con i suoi Sentieri interrotti, le Radure, i suoi Claros de bosque… e via di metafore. Come il filosofo e il poeta sa abitare la “grande, intima solitudine” necessaria a ogni scrittura. Una poesia fortemente visiva, anzi: visionaria. Scrivere poesia. Per me è come scattare una fotografia e inciderci dentro alcune parole mentre l’uso del dialetto – una koinè che ibrida il ligure, il bergamasco, il piemontese – nasce dalla nostalgia di una lingua materica, non “scritta”. Di più: nel suo essere Vernacolo c’è anche il no di chi “passa al bosco”, la differenza tra la cultura delle “truppe” intellettuali di città, e la rude dimensione provinciale, appunto vernacolare, che domina il paese fuori delle città… Si passa al bosco per prendersi cura del mondo, perché i suoi maggiori problemi nascono dalla «differenza tra come agisce la natura ed il modo in cui pensano gli uomini”, per prendersi cura delle parole, come d’un sempreverde. E chi passa al bosco qualche volta torna, per in-segnare quello che impara» Lorella Barlaam – Libri sconfinati

«La verità è che non può rinunciare a scrivere poesia, tanto più in questi anni che fa il cercatore d’alberi, bellissima professione, per di più retribuita. Ed è proprio in sintonia con essa che presenta alcune sue poesie creaturali, come lui stesso le ha definite. Hanno il sapore di un certo qual francescano aggiornato e inventivo, che vuol dire essere in prima persona un pellicano che parla di sé, un elefantista che lancia, per empatia, un barrito selvatico, ritenendolo il miglior modo per iniziare la giornata”; oppure un libro-giardino in cui il lettore per osmosi lascia di sé “qualche ciglia / un pezzetto di naso e striscia di lingua”» Beppe Mariano – Mosaico Italiano

«La poesia di Tiziano Fratus penetra il dettato irregolare di realtà e immaginazione […] L’autore, percorrendo paesaggi alla ricerca di alberi secolari, percorre se stesso […] Quella di Fratus è poetica della “compostezza”, sempre desta» Grazia Calanna – La Sicilia

«La poesia di Fratus si incammina tra la gente con occhi e orecchi alchemici, scientifici capaci di mostrare al lettore più realtà ed esistenze sensibili utilizzando saggezza ed essenziale concentrazione. L’autore si fa carico di accostare il paese/terra e l’uomo/società all’ebbrezza struggente del brivido etico che caratterizza un lavoro poetico coltissimo e puntigliosamente in progress» Rita Pacilio – La Vita Felice

«Fratus “homo radix” è sorprendente nell’uso della parola come degli occhi e del fiuto che ha usato per scovare lungo tutta l’italia gli oltre cento alberi secolari da proteggere e far conoscere. In “Un quaderno di radici” protegge anche la poesia e ne ha cura proprio come di una cosa viva, sempreverde» Simone Di Biasio – Libero De Libero

Acquista la raccolta a € 3.99 su iTunes, Bookrepublik, La Feltrinelli, Ibs e tutte le piattaforme di editoria digitale
>>> Scheda opera nel catalogo Feltrinelli
>>> Un quaderno di radici in Nuovi Argomenti
>>> Videoclip – Autoritratto invernale (0.35 min.)
>>> Videoclip – Conversazioni col vento di sud-est (1.17 min.)

.

VERGINE DEI NIDI
Poesie creaturali
Editore: Feltrinelli –  Collana: Zoom Poesia
€ 3.99 – Isbn 9788858854969

.

«Siamo noi i prossimi animali che avranno le ali»

Chi apre questo libro rischia grosso:
dai piedi potrebbero spuntare radici,
dalle mani fronde di carpino o corbezzolo.
Potrebbe incontrare se stesso, in un sogno,
o svegliarsi con l’obbligo di discernere
fra opportunità e verità, a proprio svantaggio.

.

Cosa esiste di più fragile di un nido, fatto di sputo, di saliva, di rigurgito, di scarti del bosco, ramoscelli, e foglie e gemme e piume, più leggero del vento stesso, ma capace di accogliere la vita, la vita che aspetta di iniziare, la vita che volge e si riavvolge. Vergine dei nidi è la nuova raccolta di poesie di Tiziano Fratus.

Acquista la raccolta a € 3.99 su iTunes, Bookrepublik, La Feltrinelli, Ibs e tutte le piattaforme di editoria digitale
>>> Vergine dei nidi nel catalogo di Feltrinelli
>>> Vergine dei nidi in Interno Poesia
>>> Vergine dei nidi nel blog Poesia della Rai
>>> Vergine dei nidi – Intervista a Zest Letteratura

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.