Orchestra dei semi

.

QUEL CHE CHIAMIANO NATURA E’ BENEVOLO O MALEVOLO?

Quante volte ci siamo interrogati sulla natura della cosiddetta natura? Un albero ci percepisce? Esiste nei boschi un sentimento prossimo a quelli che noi nutriamo, umani fra gli umani? Se noi amiamo un larice di cinquecento anni che torniamo a visitare una volta l’anno, questo “individuo” che ha ingannato il tempo, sa / sente / riconosce la nostra presenza oppure resta completamente distaccato, ignaro? La natura è benevola, in qualche misura, con la nostra specie, oppure è un fabbro indaffarato nel proprio vivere e sopravvivere?

.

© Tiziano Fratus
Inedito, Casa del leccio, 2020.