Giona delle sequoie n°10 – Una verità

LOSTGROVE_FRATUS_2013_REDUX

GIONA ARRIVA AL CUORE DEL PROPRIO VIAGGIO

Giona sta vivendo il sogno. Non rincorre il grande serpente degli aborigeni, o la grande aquila di certe tribù indiane, il grande corvo dei coriachi e degli etelmeni nella russia orientale. Non osserva le luci dell’aurora boreale per riconoscere immagini di parenti e amici che danzano nella prossima vita come fanno gli inuit. Giona si immerge nel paesaggio, raggiunge questi contenitori di vita, questi totem che uniscono la materia di cui siamo fatti, la terra, e la materia dei sogni, il cielo. E forse anche uno dei luoghi dove si raccolgono, anche se non le possiamo vedere, le anime di coloro che non ci sono più. Forse l’anima di suo padre è nel Grizzly Giant, forse sua madre ha trovato riparo nelle radici di uno dei sapienti silenziosi della Giant Forest. O forse no. Ma alla fine è meglio credere, che non credere affatto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.