Podcast °La terra ha le sue voci°

Armando Buonaiuto – Rai Radio 3, Uomini e profeti

«Poesie creaturali si intitola la sua ultima raccolta di poesie. Il sentimento creaturale effettivamente è quello che prova la creatura nei confronti del divino o di chi l’ha creato. E’ un sentimento misto, è un sentimento di amore, è un sentimento di tenerezza, un sentimento di appartenenza, è anche un vagheggiare. Questa raccolta, a me spiace che siamo in radio perché non la si può mostrare, ha una veste grafica molto bella, ma soprattutto ogni poesia è composta a disegnare dei profili di foglia. Ed è interessante perchè ogni poesia offre una diversa traccia vegetale che sorge da queste possiblità combinatorie infinite della parola […] La natura è sicuramente la sua musa, supporta la sua poesia. Ma con una bella circolarità in questo libro lei disegna anche un erbario di carta, dà vita a qualcosa che è tanto natura quanto inchiostro […] C’è un doppio movimento in questo sguardo: c’è una vicinanza estrema, davvero tattile agli elementi, come fosse una sorta di zummata nei confronti di ciò che è piccolo, e di contro c’è la resa di una vastità panoramica dello spazio intorno a noi. C’è tanto l’elemento minuto, in questa osservazione della natura che lei fa attraverso la poesia, quanto un elemento più vasto, quanto il cosmo.»

Estratto da Uomini e profeti, puntata di sabato 2 marzo 2019, La terra ha le sue voci
>>> Ascolta il podcast