Una manciata di ghiande

RINGRAZIAMENTI

Per un autore assiepato sulle faglie di una delle tante fini del mondo la solitudine è preziosa. Sia materialmente, poichè è la sostanza primaria di tanto lavoro e meditazione, sia idealmente, spiritualmente, per altre ragioni più o meno ovvie. E donc sta nei fatti che chi vive in queste forme di sedizione senza bandiera sapere che quel che si fa raggiunge e interessa gente che non conosce rappresenta uno stimolo in più, è una forma di affetto di cui si sente di dover essere grati. Ringrazio dunque tutti coloro che hanno acquistato in questa manciata di mesi da quando è uscita la raccolta di boschi miniati “Sogni di un disegnatore di fiori di ciliegio” (Aboca) che, dati alla mano, ha varcato la soglia delle mille copie vendute, ovviamente un goccia nell’oceano ma non era per niente atteso, quantomeno da chi vi scrive. Per ragioni simili ringrazio le oltre duemila persone che in pochi giorni hanno ascoltato il podcast della prima puntata di °Eremo delle rose e delle radici° andata in onda su Radio Francigena. Ghiande colme di vita a ciascuna/o di voi.